Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bundesliga, l’Hertha Berlino cerca casa: Olympiastadion “vuoto”, si pensa ad un nuovo stadio

L’Hertha Berlino cerca una nuova casa e progetta l’addio all’Olympiastadion dopo oltre cinquant’anni di permanenza. L’impianto sportivo più grande della capitale tedesca, con i suoi 75mila posti a sedere, è diventato negli ultimi anni un onere piuttosto pesante per il club berlinese, il cui contratto di concessione scade nel 2025 e l’intenzione sembra essere quella di presentarsi a quella data con uno stadio di proprietà di dimensioni ridotte. L’idea sarebbe quella di costruire un’arena da circa 55mila posti a sedere, situata vicino all’attuale stadio, per un investimento “finanziato al cento per cento da privati”, come affermato dal presidente Werner Gegenbauer. “Per i parametri della Bundesliga – prosegue Gegenbauer – l’Olympiastadion non è più un impianto futuribile. In quanto club di fascia media, non possiamo fronteggiare lo svantaggio dovuto ad un impianto troppo grande e troppo vecchio, che per giunta non ci appartiene”. La questione relativa alla capienza è centrale nella costruzione di un nuovo stadio: nell’ultima stagione, pur avendo una media di 48.256 spettatori a partita (l’ottava del campionato), l’Hertha ha chiuso in coda per percentuale di riempimento dello stadio: solo il 64,86 % dei posti disponibili in tutta la stagione è stato occupato, con un solo sold-out per la sfida interna col Bayern Monaco. Cifre non più sostenibili in una lega che supera il 92% di riempimento dei propri impianti e che, proprio ad esclusione dell’Hertha, non trova una squadra al di sotto dell’80%. La maestosità dell’Olympiastadion, tra costi di gestione elevati e un ambiente troppo dispersivo, sta facendo sorgere seri dubbi alla dirigenza dell’Hertha, che per la prima volta dal 1963 potrebbe giocare altrove.

  • agostino ghiglione |

    La cosiddetta partita di cartello di domenica sera Napoli-Juventus ha visto ampi spazi dello Stadio vuoti. In ottemperanza penso ai dispositivi di Legge dopo il caso Raciti. La partita è stata molto modesta anche perché preceduta da un Week-end in cui la Premier l’ha fatta da padrone incontrastato sabato col derby di Liverpool all’Anfield Road(in cui i tifosi dell’Everton erano confinati nei tradizionali 3.000 posti riservati con la sola protezione di un cordone di steward) e domenica Arsenal-Manchester City (2-2) in cui anche lì i tifosi ospiti erano confinati nel settore a loro riservato. Gli stadi erano esauriti per cui non si sono visti spazi vuoti come al San Paolo di Napoli. Un’ultima notazione ;il derby di Liverpool si è giocato alle ore 12:30 locali senza che nessuno facesse obiezioni. Non come due anni fa per il Derby della Lanterna in cui le due tifoserie organizzate si opposero a che la partita si giocasse alle 12:30; c’era anche la concomitanza(udite, udite)della Fiera di Sant’Agata nel vicino quartiere di San fruttuoso,per cui la partita si disputò il lunedì sera con grande disappunto di Sky . Per la cronaca chi giocava in casa (il Genoa) perse anche la partita oltre che la faccia. Mentre la Samp portò a casa due risultati :lo spostamento e la vittoria nel derby.
    Quindi il Derby di Milano della vigilia di Pasqua sarà una novità assoluta per essere giocata alle 12:30.Dicevano per fuso orario con la Cina. Falso perché il Milan non sarà cinese ma americano(forse)

  Post Precedente
Post Successivo