Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Roma: l’Assemblea del Campidoglio riconosce l’interesse pubblico del nuovo stadio

383549_heroa

Il progetto sul nuovo stadio della Roma che oggi ha ottenuto l’attestazione di interesse pubblico da parte dell’Aula consiliare capitolina, riguarda un impianto moderno, ecocompatibile, all’avanguardia, rispettoso dell’ambiente e del territorio. Le modifiche richieste dall’amministrazione capitolina sul vecchio piano relativo all’impianto che dovrà sorgere nell’area di Tor di Valle hanno portato ad una riduzione delle cubature di oltre il 50% per quanto riguarda il Business Park, senza più quindi le iniziali tre torri, ma con più verde e opere infrastrutturali per i
cittadini.
Il ‘nuovo’ stadio della Roma è, di fatto, un altro progetto rispetto a quello originario. Il club giallorosso guidato da James Pallotta rinuncia a gran parte delle opere che aveva in mente di realizzare. Soprattutto, sono sparite le ‘famigerate’ torri che tanti strali avevano attirato fin dall’inizio del lunghissimo iter. Saranno rimpiazzate da edifici più bassi, a pochi piani, ed ecocompatibili. A differenza della delibera dell’epoca Marino, sono previsti più interventi per definire l’interesse pubblico, a garanzia dei cittadini: massima accessibilità dell’area con il trasporto pubblico su ferro, con il potenziamento della ferrovia Roma-Lido e l’acquisto di nuovo treni (i passeggeri della FL1 potranno accedere all’area attraverso un ponte ciclo-pedonale).
Un altro intervento previsto riguarda l’unificazione della via Ostiense con la Via del Mare nel tratto che va dal Grande Raccordo Anulare a viale Marconi. Il progetto prevede inoltre la messa in sicurezza dei Fossi di Vallerano e Acquacetosa Ostiense e la realizzazione del Parco fluviale, nonché un sistema di videosorveglianza e la costruzione di edifici a basso impatto ambientale (pochi piani) e ad alti standard energetici. Sono infine previsti interventi di accessibilità “da e al” fiume Tevere con i relativi interventi sulla viabilità.
“E’ arrivato l’ok” alla delibera sul pubblico interesse su “un progetto sostanzialmente diverso da quello precedente. E’ stato un lavoro lungo e impegnativo e, progressivamente, una forte collaborazione con i proponenti. Penso sia un buon momento per la città”. Così il vicesindaco di Roma Luca Bergamo a margine dell’Aula sul progetto Stadio della Roma. “Se ora temiamo l’ostruzionismo della Regione? Perché mai? Non vedo il motivo per cui la Regione si dovrebbe porre in maniera ostile verso un progetto che ha più volte dichiarato di volere. Ci aspettiamo, al contrario, uno svolgimento rapido della conferenza dei servizi”.

  • agostino ghiglione |

    Caro Marco,
    sbaglio o la cifra messa in testa dal Comune per Parnasi e Pallotta per le opere infrastrutturali è scesa da 120 a 80 mio (cioè del 30%).
    Mi auguro che il Comune metta in bilancio l’unificazione della Via Ostiense con la Via del Mare a sue spese dal GRA sino ad Ostia se no avremo una strettoia ingiustificata nella zona in cui sono già sorti nuovi quartieri :Mezzocamino,Acila etc. che sono già oggetto di continui intralci al traffico locale e per lo snodo sul GRA. Quando una arteria “non riceve” ne risente tutto il traffico collegato.E lì c’è già il grande e non risolto problema della Pontina.
    Quando avverrà la Conferenza dei Servizi per vedere il varo definitivo dell’opera?

  Post Precedente
Post Successivo