Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ventura, Tavecchio e il flop dell’Italia dei Mediocri: ecco da dove si dovrebbe ripartire

577606902-081-kz4d-u210885042607dji-620x349gazzetta-web_articolo

Pensate davvero che i problemi ormai congeniti del Calcio italiano (e verrebbe da dire dell’Italia…) si risolvano cacciando Ventura e Tavecchio?
Se in campo mondiale non si riesce ad allestire una Nazionale decente dal 2006 non è certamente colpa di Ventura e Tavecchio. Il Calcio italiano avrebbe dovuto essere rifondato, prim’ancora che dall’eliminazione maturata a San Siro contro la Svezia, dall’estromissione subita in Sudafrica nel girone con Slovacchia, Paraguay e Nuova Zelanda…
Chiaramente sia Ventura che Tavecchio hanno enormi responsabilità. Il Ct per la caparbietà che ha dimostrato nel perseverare nei suoi sbagli tecnici e tattici. Il presidente federale perché ha voluto legare il suo destino a quello di questo allenatore e non ha saputo coglierne lo stato confusionale e l’isolamento in cui è caduto dopo il rovescio spagnolo di settembre. Se la scelta di Ventura, dopo l’europeo francese, è stata condizionata anche dal rifiuto di altri candidati, l’averlo confermato fino al 2020, appena qualche mese fa, costituisce un errore inemendabile per i vertici della Figc.
Ma dietro la disfatta “svedese” si stagliano il commissariamento delle Leghe di Serie A e B che dura da mesi, le riforme annunciate ma perennemente al palo e i troppi dirigenti calcistici, o sedicenti tali, evidentemente non adeguati a ciò che lo Sport-Business contemporaneo esige. La mediocrità elevata a sistema di comando può essere comoda per alcuni, ma alla lunga espone tutti a dolorose figuracce.
Il segnale di serietà e di responsabilità che Ventura e Tavecchio dovrebbero dare ora al Paese, facendo entrambi un passo indietro, sarebbe fondamentale anche per iniziare la risalita dal baratro.
Già, ma da dove si riparte?
Come sempre dalla base. E facendo cose semplici.
Anzitutto obbligando i club professionistici a investire una percentuale del fatturato (e non degli utili come prevede oggi la legge) nei settori giovanili. Realizzando strutture all’altezza dei tempi o, se non è chiedere troppo, all’avanguardia. Fare una seria politica di integrazione, almeno con lo “ius soli sportivo” (senza ricorrere a misure straordinarie, raffazzonate o in deroga). Ci vuole il coraggio che ha avuto la Germania, post Europeo 2000, nel coinvolgere le seconde e terze generazioni di immigrati, riconoscendo la cittadinanza italiana a chi se lo merita. Adottare, per converso, una rigida politica a favore dei calciatori eleggibili in Nazionale, in particolare dai settori giovanili. Dove non è consentito dalle norme europee occorre l’accordo tra i club che hanno un interesse comune e una regia federale. Dalla Figc, al di là dei centri di formazione che sta disseminando sul territorio, ci si deve aspettare un profondo rinnovamento nel processo di selezione delle rappresentative nazionali con due o tre centri di eccellenza nei quali allevare i giovani più promettenti (e non quelli raccomandati da amici e procuratori). Per questo servono staff tecnici multidisciplinari specializzati nella preparazione di ragazzi e ragazze e che lavorino con questo esclusivo obiettivo.
A livello di club la rifondazione non può prescindere poi dalla creazione di squadre B almeno da parte delle società di prima fascia sul modello spagnolo e dalla riduzione contestuale del numero di club professionistici (in molti casi senza le risorse economiche necessarie per condurre un’attività di alto livello). Finché le entrate che il sistema calcio italiano riesce a generare (meno di due miliardi a stagione) restano queste devono essere concentrate nei club che possono garantire qualità e organizzazione e non disperse a pioggia (per il resto c’è il Calcio Dilettantistico).
In quest’ottica e per quanto appaiano non direttamente connesse al tema Nazionale occorrono politiche governative per favorire la costruzione di stadi di qualità commisurati alle esigenze delle differenti piazze che incrementino il giro d’affari dei club e una più spinta managerializzazione delle aziende calcistiche.
Questi potrebbero essere alcuni dei provvedimenti da assumere se si vuole invertire il declino che ha ridotto la Serie A a quarta Lega europea e la Nazionale a triste spettatrice dei mondiali russi.

  • Luigi Caruso |

    Adesso l’obbiettivo e` che la nazionale vada ai prossimi europei e mondiali, passi almeno il girone e anche la classifica FIFA deve migliorare. I mezzi ci sono e Conte lo ha dimostrato. Serve gente che sia capace di fare questo. Tavecchio in piu` di 4 anni ha fallito piu` di meta` degli obbiettivi. Se vuole rimanere deve dimostrare di avere il progetto giusto per realizzare questi obbiettivi. Il signor presidente del CONI e/o il signor ministro dello sport, che hanno gia` fatto dichiarazioni in merito, possono verificare questo progetto ed eventualmente mandare Tavecchio a casa?

  • agostino ghiglione |

    a “evaristo bencacci”:
    modera i termini per favore.Ti basta sapere che El Shaharawy(detto il Faraone) con quel nome è italiano perchè nato a Savona da padre Egiziano e madre italiana ed ha fatto calcio nelle giovanili del Genoa sino alla Prima squadra?O che Ozil in Germania è nazionale tedesco pur essendo di origine Turca(ce ne sono quasi 3 milioni in Germania).O che Khedira,sempre in Germania, gioca nella nazionale tedesca perchè sua mamma è tedesca e suo papà magrebino.Stessa cosa per Rudiger. E potrei andare avanti citando Balotelli che al compimento dei 18 anni è diventato cittadino italiano.Ma mi fermo qui per non sprecare altro tempo.

  • Barbas |

    L’errore di fondo è che noi italiani passiamo sempre alla scorciatoia, anzichè dedicare tempo alla programmazione. Ci si dedica poco ai vivai, perchè ormai si pesca il campioncino in Argentina, Brasile o Senegal, commettendo danni pure in quei paesi, perchè per un talento buono, pescato a basso prezzo, se ne bruciano altri 99. I procuratori che hanno in mano due mezzi campioni e dieci mediocri dettano le scelte degli allenatori, che si tengono buoni i procuratori perchè li ricollocano quando sono a spasso. E’ un giro vorticoso. L’unico imprenditore libero è Percassi con il modello dell’Atalanta che sforna talenti ed utili, mentre gli altri schiavi dei procuratori ci hanno portato a questi disastri, pur di pagare poco un argentino mediocre che negli anni’80 non avrebbe fatto il magazziniere in serie C. Bellinazzo parla in modo positivo dei centri di formazioni federale, ma quanto costano? Bellinazzo, Lei sa far di conto e bene, ma guardi quanto costano? Legge i bilanci federali? Non parliamo poi del calcio femminile che ovunque è percepito come un business, mentre da noi è un peso.

  • svalente1 |

    Non è che mi importi del calcio. Guardo le partite della nazionale e basta. Non si può non condividere quanto sopra, però quei ragazzi avrebbero potuto vincere con quella Svezia solo che l’allenatore avesse capito dalla partita di andata che aveva subito del tutto la tattica della Svezia. La quale ha potuto continuare imperterrita anche nella partita di ritorno. Non mi sembra che ci voglia tanto a capirlo.

  • Davide |

    Ma quale ius soli?pff!non c’è bisogno!si deve far giocare gli italiani!è non solo pensare a fare soldi con i stranieri non integrabili…!questo discorso vale anchè per il resto!non solo per lo sport!

  Post Precedente
Post Successivo