Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Figc, nessuna convergenza sul candidato unico: oggi la Lega A annuncerà la sua scelta

Nessuna convergenza e corsa a tre: l’incontro di ieri pomeriggio nella sede della Lega Pro a Firenze ha dato questo verdetto per la scelta del candidato alla presidenza della Figc. Tommasi (numero uno dell’Assocalciatori), Sibilia (presidente della Lega Nazionale Dilettanti) e Gravina (presidente della Lega Pro) sono i nomi in gara per prendere l’eredità di Tavecchio nella poltrona federale. Nella riunione fiorentina, che oltre a loro ha visto presenti il presidente della Lega B Balata, quello dell’Assoallenatori Ulivieri e il capo degli arbitri Nicchi, è emersa la mancanza di condivisione: “La montagna ha partorito un topolino”, è stato il laconico commento di Nicchi, il primo a lasciare l’incontro. Oggi è in programma un’altra riunione a Milano, dove la commissione della Lega Serie A (formata da Tavecchio, Lotito, Cairo, Fassone e Marotta) incontrerà i candidati, partendo da Sibilia:”Cercherò di capire le loro richieste – ha detto il presidente della LND – non possono pensare che saranno accettate supinamente, il mio auspicio è che tra le due Leghe torni la storica collaborazione. Di sicuro faremo di tutto per farci rispettare, forti del nostro 34%. Della mia candidatura si parla da tempo, vedremo se la Lega di A proporrà un candidato condivisibile”. Il nome circolato in questi giorni è quello di Lotito, nome che non trova il benestare né di Tommasi (“La Figc ha bisogno diqualcosa di nuovo per rilanciare tutto il movimento”) né di Ulivieri (“Anche se non essere riusciti a trovare una convergenza mi preoccupa molto”, aggiunge). Gravina intanto attende l’investitura praticamente certa da parte dell’Assemblea di Lega Pro in programma stamattina: “Spero ci sia unità sul mio nome, non possiamo essere assenti dalla competizione elettorale”. Nemmeno lui, però, appoggia l’ipotesi Lotito: “Nessun conflittopersonale, solo ideologico”. Oggi alle 16 l’Assemblea di A valuterà i risultati delle consultazioni, poi annuncerà la propria posizione.