Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Premier League, 2,76 miliardi dalle tv nel 2016/17: tutte oltre la soglia dei 100 milioni, dominio Chelsea

L’ultima stagione della Premier League ha portato 2,76 miliardi di euro nelle casse dei venti club partecipanti. Nella classifica dei proventi televisivi, così come nella classifica finale, è il Chelsea a dominare su tutte le altre squadre inglesi con 173,3 milioni di euro. In compenso, il primo anno del nuovo accordo tv valido per il triennio 2016-19 regala “gioie” a tutti, persino a chi lo scorso anno ha vissuto la stagione della vita. È il caso del Leicester, che quest’anno ha ottenuto più di quanto ricavato nella stagione che ha visto la squadra di Claudio Ranieri chiudere in cima alla Premier, per il primo storico titolo di campione d’Inghilterra: 93,2 milioni di sterline nel 2016 contro i 115,8 milioni di quest’anno, pari a circa 133 milioni di euro. Solo le tre retrocesse rimangono sotto la soglia dei cento milioni di sterline, pur superando ampiamente quella dei cento milioni di euro al cambio attuale: il Sunderland ultimo in classifica chiude infatti la propria stagione con una fetta da 107,4 milioni di euro dalla ripartizione dei ricavi della Premier.

Delle cinque voci relative ai ricavi da distribuire ai venti club, tre sono ripartite in egual misura. Una quota complessiva pari a 90,9 milioni di euro garantita a tutte le squadre, data dalla somma tra i proventi televisivi dall’estero (circa 45 milioni di euro a testa), la “fetta” relativa ai ricavi commerciali (5,45 milioni di euro) e i cosiddetti “equal share”, ovvero una somma prestabilita da suddividere in parti uguali (40,55 milioni di euro per la stagione 2016/17). La differenza nell’importo complessivo viene data dalle due variabili: merito sportivo e bacino d’utenza (valutato in presenze negli stadi e passaggi televisivi nazionali). Il rapporto tra prima e ultima nella graduatoria dei ricavi televisivi si alza di poco rispetto alle passata stagioni, risultando pari a 1:6. Si tratta comunque della ratio più bassa tra i principali tornei europei.

2016-17-payments-to-clubs-article

Da www.premierleague.com

  • antongiulio rocco |

    – stadi confortevoli
    – serie a 16/18 squadre
    – arbitri che non favoriscano sempre le stesse
    – arbitri che favoriscano il gioco e non le sceneggiate

    altrimenti i diritti tv in Italia tra qualche anno saranno pari a 0 e il Sunderland potrà permettersi di togliere calciatori alla Roma ….

  Post Precedente
Post Successivo