Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La Juventus chiude il bilancio 2012 con un rosso di 48,7 milioni, ma il fatturato cresce del 24%

Il Cda della Juventus ha approvato il progetto di bilancio per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2012 che sarà sottoposto all’approvazione dell’assemblea il 26/27 ottobre 2012. Nell'anno della riconquista dello scudetto, i ricavi hanno avuto un incremento del 24,2%, attestandosi a  213,8 milioni (contro i 172 milioni dell’esercizio precedente). Il bilancio, tuttavia, si è chiuso con una perdita di 48,7 milioni, con un netto miglioramento (pari a 46,7 milioni) rispetto alla perdita di 95,4 milioni della stagione precedente.

Le ragioni della crescita. Un miglioramento attribuibile principalmente, spiega la nota del club, "ai maggiori ricavi da gare grazie allo Juventus Stadium (+20,3 milioni), da sponsorizzazioni e pubblicità (+10,2 milioni), da minori oneri da gestione diritti calciatori (+9,9 milioni) e accantonamenti a fondi rischi ( +7,3 milioni), dal ripristino del valore della Library Juventus (+14,5 milioni) e, infine, dall’assenza di oneri non ricorrenti (+7,4 milioni) e da diritti televisivi e media (+1,9 milioni). Tali variazioni positive sono state parzialmente compensate da maggiori costi per servizi esterni (-7,6 milioni) e per premi variabili riconosciuti al personale tesserato (-11,9 milioni)".

Ricavi e costi nel dettaglio. I ricavi da diritti tv sono stati pari a 90,5 milioni, quelli da sponsorizzaioni e pubblicità (53 milioni) e quelli da gare 31,8 milioni, cui si aggiunge la voce "altri ricavi" per 19,4 milioni. I costi operativi, invece, sono stati pari a 206 milioni. I costi per il personale tesserato, soprattutto per gli ingaggi degli atleti, sono stati pari a 137 milioni (+10 milioni rispetto al 2011). A questi vanno aggiunti circa 52 milioni di ammortamenti e svalutazioni dei cartellini. 

Il patrimonio netto. Al 30 giugno 2012 è positivo per 64,6 milioni, in aumento rispetto al saldo negativo di 5 milioni del 30 giugno 2011, per effetto dell’integrale sottoscrizione dell’aumento di capitale del gennaio 2012 (118,6 milioni, al netto dei relativi costi), della perdita dell’esercizio (48,7 milioni) e di altre variazioni minori. Al 30 giugno 2012 il capitale di Juventus interamente sottoscritto e versato, ammonta a 8,1 milioni. Rispetto al prezzo di emissione del recente aumento di capitale (0,1488 euro) la quotazione di Borsa al 13 settembre 2012 del titolo Juventus (0,2181) evidenzia un apprezzamento del 47% circa.

Indebitamento. Al 30 giugno 2012 l’indebitamento finanziario netto ammonta a 127,7 milioni (era di 121,2 milioni al 30 giugno 2011). "L'indebitamento - precisa la nota della società - deriva sostanzialmente dagli esborsi relativi alle campagne trasferimenti (-62,2 milioni netti) e ai residui investimenti nello Juventus Stadium e in altre immobilizzazioni (-55,8 milioni), parzialmente compensati dall’introito dell’aumento di capitale (+118,6 milioni) e da altre variazioni nette (€ +5,9 milioni)". I debiti verso le banche ammontano a 54 milioni.

Calciomercato. Nella campagna acquisti estiva 2011 e in quella invernale 2012 la Juventus ha investito 98,9 milioni (con acquisizioni per 104,8 milioni e cessioni per 5,9. Nella campagna trasferimenti estiva 2012 (ma questi effetti si vedranno nel blancio 2013), invece, le operazioni di calciomercato hanno comportato un aumento del capitale investito di 47,3 milioni derivante da acquisizioni per 62,2 milioni e cessioni per 14,9 milioni. L'impegno finanziario netto complessivo è pari a 42,2 milioni ripartiti su tre annualità (25,8 milioni nell'esercizio 2012/13, 8 nel 2013/14 3 8,4 nel 2014/15).

 

Tags:
  • Ivan |

    Stefano di fatti l’impegno finanziari spalmato in 3stagioni è di 42,2

  • agostino ghiglione |

    Solo tifosi nei commenti.Ed i piccoli azionisti?non avrebbero qualcosa da dire?
    Per fortuna non c’è menzione dei 460 min di Euro richiesti per danni alla Federcalcio!

  • cristian |

    a me non sembra male; la juve con questo ritmo il prossimo anno avrà debito = 0. il Real mi risulta avere più di 120 milioni di debito nel 2012. Puoi avere i fatturati alti quanto vuoi ma se ogni anno produci debito invece di attivo non vai lontano. inoltre fino allo scorso anno la tassazione spagnola sui redditi dei calciatori era irrisorio quindi potevano esssere attratti da compensi stellari, vedremo nel 2013 quanto profondo diventerà il rosso con la nuova tassazione. saluti

  • andrea |

    Se nonostante l’aumento del 24% del fatturato, il bilancio e’ ancora pesantemente in perdita, mi pare che ci sia poco da essere tranquilli. E’ vero che dal 2012 c’e’ la CL e che ragionevolmente sono altri 15-20 milioni di ricavi, ma bisogna anche tenere conto che cio’ comportera’ anche un progressivo aumento dei costi di ingaggio. Tra l’altro gia’ solo la campagna acquisti 2012 ha portato ad un discreto aumento del monte ingaggi e pertanto , a meno di eventi straordinari, anche il prossimo bilancio si chiudera’ in pesante perdita.

  • Roberto |

    Carissimo sig. Matteo,
    E’ per caso a conoscenza del fatto che la Juventus è andata in serie B nella stagione 2006-2007?
    Visto che ha messo il link provi a scorrerlo verso il basso (con la rotellina del mouse) e provi a chiedersi come mai dal 3^ posto è passata al 12^ perdendo 100M euro in un solo anno.

  Post Precedente
Post Successivo