Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Nasce il network delle leghe di Seconda divisione: allo studio un “6 nazioni” fra rappresentative di B

Nasce il network delle leghe di seconda divisione. Ad annunciarlo è stato Emanuel Macedo de Medeiros, direttore generale dell'Epfl, l'Associazione che riunisce 29 leghe europee e che ha organizzato insieme alla Lega Serie B il summit di Venezia, che ha messo attorno a un tavolo 11 componenti calcistiche di seconda e terza divisione: "Non è un punto di arrivo ma di partenza, un network comune di crescita non solo economico ma soprattutto di idee e progetti". E proprio di strategie, soprattutto relativamente a infrastrutture, gestione dei costi, crescita dei giovani, marketing e format dei campionati, si è discusso nella due giorni veneta, con interventi da parte dei vertici delle leghe francese, austriaca, spagnola, turca, olandese, portoghese, danese, svizzera, russa oltre che ovviamente italiana con la Lega Serie B e la Lega Pro.

"La forza della nostra associazione – ha sottolineato il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi – sta nel mettere a denominatore comune le esperienze di ognuno marcando tuttavia le proprie differenze. Non vorremmo arrivare al paradosso che ci sia una maggiore collaborazione a livello europeo che nazionale, dove è necessario parlare di più e capire che si serve tutti la stessa causa, quella del calcio, non solamente il proprio interesse".

A confronto quindi i vari meccanismi di play off, le promozioni e le retrocessioni dirette, ma anche le aperture e le clausure come in Olanda, e l'opportunità delle seconde squadre, spagnole e portoghesi, sostenuta nel suo intervento dal presidente dell'Aic Damiano Tommasi. Poi spazio all'esperienza tedesca incentrata sulla qualità delle infrastrutture, la Salary Cap italiana e la B Italia, che ha rappresentato una vera e propria "best practice", come l'ha definita il direttore marketing dell'Epfl Alberto Colombo, progetto che ha innescato una discussione sulla fattibilità di un 6 nazioni fra rappresentative di seconda divisione europee. Abodi ha spiegato che si tratterà di "un progetto sotto l'egida dell'Epfl, nel rispetto e nelle prerogative del calendario Uefa e a servizio delle
Federazioni che, come dimostra il nostro caso, ha avuto un beneficio per le Nazionali giovanili".