Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Scambio (saltato) Vucinic-Guarin: l’Inter si appella al fair play finanziario, la Juventus è “sconcertata”

"Questa mattina ho ascoltato tutti i miei collaboratori, mi sono confrontato con il dott. Massimo Moratti e suo figlio Angelomario: ho deciso di non procedere nella trattativa con la Juventus. Ho ritenuto che non ci fossero più le  condizioni per arrivare ad un accordo sul quale c'erano opinioni  diverse, e i cui vantaggi economici e tecnici per il club non  apparivano cosi' evidenti''. Erick Thohir, presidente dell'Inter, si è espresso così in una nota pubblicata sul sito del club. La società  nerazzurra ha deciso di bloccare la trattativa con la Juventus per lo  scambio tra Fredy Guarin e Mirko Vucinic. 

Thohir e Ffp. ''Ho già incaricato i responsabili dell'Area Tecnica, come abbiamo già detto attraverso il comunicato ufficiale, di valutare altre opportunità di mercato, per rinforzare la squadra nel rispetto  dei parametri economici che il Financial Fair Play ci impone – ha ribadito Thohir-. Credo, ancora una volta, che si debba rimanere uniti: tifosi, club e squadra, per tornare ad essere quello che tutti vogliamo e che l'Inter si merita''.

Juventus "sconcertata". Dopo la rottura della trattativa per lo scambio tra Fredy Guarin e Mirko Vucinic anche il club bianconero ha pubblicato una nota sul proprio sito. Parole dure nei confronti del club nerazzurro: "Juventus Football Club non commenta il comunicato dell'Internazionale F.C. La società è concentrata sulla gara di Coppa Italia e procederà alla valutazione e alla spiegazione dello sconcertante accaduto".

Le plusvalenze. Con una valutazione reciproca di 13,5 milioni per i giocatori, a parte il conguaglio in denaro, la Juventus avrebbe realizzato una plusvalenza di 6 milioni avendo in carico Vucinic (acquistato er 14,9 milioni) per un importo di circa 7,5 milioni. Inoltre si sarebbe liberato il club bianconero di un onere da 6 milioni (3 di ingaggio più le imposte). L'Inter invece avrebbe avuto meno vantaggio dal punto di vista contabile: avendo acquistato Guarin per 11,7 milioni e avendo ammortizzato un solo anno (2,3 milioni), lo ha in carico per 9,4 milioni, quindi la plusvalenza sarebbe stata di soli 4 milioni.

  • agostino ghiglione |

    Come al solito leggo il “settario” scritto di Piero.Di gran lunga più equilibrato quanto detto da Gasperini con riferimento alla storia recente di questi due club.Che hanno in comune oggi una cosa essere stati eliminati dalla Coppa Italia.La Juve con una indecorosa partita all’Olimpico dopo aver superato in casa propria l’Avellino neopromosso in B.Questa partita ci ha consegnato il limite attuale del nostro modestissimo calcio sapendo che queste due squadre stanno spadroneggiando in Campionato(“pugna fuit anceps” scrisse Esopo ma si riferiva alla battaglia tra topi e donnole e non al campionato di Juve e Roma che si sono alternate al comando).Che questa Coppa Italia sia un torneo antisportivo lo dimostra il suo stesso regolamento che privilegia le prime 8 classificate nel torneo di Serie A facendole entrare solo agli ottavi con l’aggravante di favorirle col fattore campo.A quando una riforma che possa ridare fascino a questa competizione che non rappresenta più nulla del nostro calcio nazionale.Copiare da Inghilterra,Francia,Germania che addirittura si permettono due tornei di Coppe e non uno solo come da noi.E loro onorano anche la Champions mentre noi ci permettiamo di avere nel torneo che conta(cioè la vecchia Coppa Campioni che inizia a febbraio)soltanto il Milan che vi è approdato giocando il preliminare e non con promozione diretta(Juventus e Napoli).”Poveracci”(si fa per dire) sono soltanto Vucinic e Guarin le sole vittime di questo siparietto italico sprovvista attualmente di “classe dirigente”.

  • CorteSconta |

    Ma a questo punto chi fra i giocatori, non dico di prima fascia ma solo con un minimo di nome e standing internazionale, vorrà più andare a giocare in una società di sprovveduti come questa? Chi vorrà fare affari con loro…? Chi concederà credibilità a una dirigenza incapace e ridicola e a una proprietà fantasma?

  • marco |

    Non mi sono chiari i vantaggi contabili dell’operazione. Prendiamo l’inter: è vero che avrebbe avuto una plusvalenza, ma allo stesso momento non si sta portando a casa un altro giocatore alla stessa cifra? Può essere vantaggioso nell’esercizio corrente, ma nel medio termine è una situazione peggiore anche dal punto di vista contabile..o sbaglio?

  • Piero |

    Che dire dell’Inter? Società allo sbando, squadra senza ne capo ne coda, succube degli umori della piazza, incapaci di prendere una decisione, senza presente e senza futuro, pieni di debiti e di odio…poveracci.

  Post Precedente
Post Successivo