Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lazio: anche il bilancio 2015 chiude in utile (5,8 milioni), per il futuro si punta a valorizzare il vivaio

La Lazio si appresta ad approvare un bilancio di Gruppo per il 2015 ancora in utile, sia pure in lieve calo da 7 a 5,8 milioni. Il club di Claudio Lotito nella scorsa stagione ha registrato un giro d’affari di 110,9 milioni (contro i 107,5 della stagione 2013/14). Il fatturato al 30 giugno 2015 è costituito, nel dettaglio, da ricavi da gare per 9,6 milioni (7,2 nella stagione precedente), diritti Tv nazionali per 46,7, diritti tv Uefa per 22 milioni (contro i 4 della stagione 2013/14), proventi media versati dalla Lega per 15 milioni (grazie alla finale raggiunta in Coppa Italia), sponsorizzazioni, pubblicità e merchandising per 9,4 milioni (contro i 12,7 del 2013/14). A fare la differenza, in senso negativo, è stata la drastica riduzione delle plusvalenze pari ad appena 0,5 milioni a fronte dei 23 milioni ottenuti dalle cessioni l’anno prima. Ad ogni modo, andrà verificato in sede di approvazione del bilancio la provenienza dei 22 milioni di diritti tv Uefa dato che nella stagione 2014/15 la Lazio non ha preso parte a competizioni internazionali.
Quanto ai costi della produzione restano stabili intorno ai 100 milioni. Tra i costi operativi sono saliti quelli relativi al personale pari a 60,9 milioni nella stagione 2014/15 a dispetto dei 52,4 della stagione 2013/14 (con gli ingaggi aumentati da 49 a 58 milioni). Tuttavia sono stati compensati con un taglio alle spese amministrative di 5 milioni e da altri rispermi. Gli ammortamenti dei cartellini viaggiano a quota 14,5 milioni.
Nella sessione estiva del calciomercato 2015 sono stati acquistati a titolo definitivo quattro giocatori per un costo di 21 milioni e altri quattro sono stati tesserati a parametro zero. Viceversa sono stati ceduti due giocatori con un risparmio di 4,2 milioni e una plusvalenza di 1,9 milioni. Sono stati dati in prestito cinque giocatori con un risparmio complessivo di 2,4 milioni e risolti i contratti di tre giocatori con un risparmio di 4,4 milioni.
Nel progetto di bilancio, infine, si chiarisce che “L’affermarsi dei giovani calciatori nel campionato di seria A, con il conseguente incremento di valore sul mercato, il proseguo nel percorso di ristrutturazione della prima squadra compiuto nella campagna trasferimenti estiva 2015/2016, i continui successi ottenuti a livello giovanile, che permettono di disporre di un serbatoio competitivo da cui attingere, le norme nazionali entrate in vigore che prevedono una rosa massima di 25 elementi per la prima squadra, consentono la ragionevole attesa di conseguire gli obiettivi prefissati per la prossima stagione e di adempiere agli impegni finanziari assunti”. Il futuro del club, fallito l’accesso ai gironi di Champions, si giocherà dunque sulla perdurante attenzione ai costi e soprattutto sulla valorizzazione dei giovani talenti biancocelesti come Keita e Cataldi.

  • agostino ghiglione |

    Allora caro Marco sono io a chiederti se questi dati sono una previsione per l’esercizio che si chiuderà il 31/12/2015 che senso ha farla visto che è una Società quotata in Borsa italiana e quindi deve produrre comunicazioni(bilanci) ad ogni trimestre;quindi valeva la pena aspettare la chiusura al prossimo fine settembre.Invece per la somma di 22 mio di diritti Tv per la Uefa( pari al 20% del giro di affari) mi sembra una cifra “fantasmagorica”riferita alla pochezza della stessa manifestazione della Uefa,almeno per i gironi iniziali che terminano a dicembre.E su questo mi piacerebbe avere un riscontro oggettivo.
    Gratta gratta leggo che i proventi da gare ammontano a 9,6 mio quindi il 9% del giro di affari ed allora mi chiedo come è finito in basso il calcio italiano praticamente fallito per la maggior parte dei club.
    Una ultima nota come si è risolto il problema della partecipazione alla Serie B della Salernitana ,di proprietà di Lotito, essendo noto che non ci possono essere due club iscritti ai tornei professionistici con lo stesso proprietario?

  • aurelio |

    Lei gentilmente chiarisce la domanda numero 1, ma non risponde alla mia. Si passa davvero da 107,5 milioni a 110,9 milioni o la cifra relativa all’anno precedente e’ molto piu’ bassa e la crescita del volume d’affari e’ del 35%, come indicato da altri giornali? Grazie per l’attenzione

  • Marco Bellinazzo |

    Nel mio post faccio riferimento al progetto di bilancio del Gruppo Ss Lazio (sotto il link) nel quale sono indicati anche tra i ricavi 22 milioni di diritti tv da partecipazioni a competizioni Uefa. Nel bilancio approvato dall’assemblea ci sarà la nota integrativa a far luce sulla natura di questi introiti. Cordiali saluti

    http://www.sslazio.it/images/stories/documenti/pdf/investor_relator/Com._stampa_30-06-15.pdf

  • aurelio orgoni |

    Mi sembra che la cifra esposta per il volume d’affari dell’esercizio precedente (107.5) sia errata e superiore a quella indicata in bilancio lo scorso anno. L’incremento del giro d’affari dovrebbe essere ben piu’ consistente, (e mi sembra anche senza le plusvalenze derivanti dal mercato calciatori, come nel precedente esercizio). Mi sbaglio?
    Se avessi ragione, vi prego di rettificare, per non indurre in errore di valutazione l’investitore sulla crescita della societa’). Grazie. Cordialita’

  • federico |

    Cosa sono i 22 milioni da diritti tv uefa visto che la lazio l’anno scorso non ha partecipato a competizioni europee?

  Post Precedente
Post Successivo