Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Diritti tv: il paracadute per le retrocesse raddoppia a 60 milioni, e andranno più soldi alle prime 10 classificate

La Lega di Serie A trova l’accordo dopo mesi di riunioni e trattative sui criteri di ripartizione dei diritti televisivi per la stagione 2015-2016. Votano contro solo Chievo e Palermo. Il tema centrale delle dispute tra big e squadre medio-piccole era sulla scelta delle modalità per distribuire il  surplus di circa 120 milioni ottenuto con il nuovo contratto. Alla fine si è trovata una soluzione ponte che accontenta la stragrande maggioranza dei club. Alle società più piccole è stato concesso il raddoppio del cosiddetto “paracadute” per le retrocesse in B. Si passa dai 30 milioni delle ultime stagioni a 60 milioni, che verranno suddivisi in base al numero di stagioni di permanenza in A: 25 per chi ha fatto 3 anni su 4 nella massima serie; 15 per chi ha fatto 2 anni su 3 e 10 per chi ne ha disputati 1 su 3 (ad esempio, Carpi e Frosinone). Se poi ci dovessero essere tre squadre ad averne disputate 3 su 4 il tetto massimo rimarrebbe comunque a 60 milioni: in quel caso di milioni ne andrebbero 20 milioni a testa.

“C’è una delibera di ripartizione per la stagione in corso che distribuisce in maniera equilibrata le risorse incrementali che vengono dai nuovi contratti.  C’è una novità molto significativa: è raddoppiata la disponibilità massima del paracadute fino ad un potenziale di 60 milioni di euro. Poi ci sono dei coefficienti che valgono dalla prima alla decima in classifica, poi un’altra parte dalla undicesima alla diciassettesima”, ha spiegato il presidente della Serie A Maurizio Beretta al termine dell’assemblea. In pratica, i contratti tv per il ciclo 2015-18 assicurano un incasso annuo di 1,2 miliardi. Al netto di mutualità, commissioni a Infront e i 60 milioni del paracadute, ne restano 926. Ecco come verranno suddivisi. Fino a 809 milioni per questa stagione si applicheranno i criteri già in essere: 40% in parti uguali, 30% in base ai risultati (con una forte incidenza dello storico) e 30% secondo in base ai bacini d’utenza. I residui 117 milioni di ricavi incrementali saranno suddivisi in questo modo: il 40% (47 milioni) in parti uguali come prescrive la legge Melandri, e il 60% alle prime dieci escluso il milione a testa che andrà dall’undicesima alla diciassettesima classificata. Chi terminerà la stagione nella parte sinistra della graduatoria si spartirà 63 milioni: le prime tre riceveranno a testa un premio di una decina di milioni. Rimane invariato il contributo per chi partecipa all’Europa League: 375mila euro a club che verranno pagati in parti uguali da tutti gli altri. Da quest’anno l’Uefa destina un contributo alla Lega da proventi Champions: 800mila euro, suddivisi in parti uguali tra i club che non giocano la coppa.

 

  • agostino ghiglione |

    Ecco l’effetto dell’accordo di cui sopra a fine campionato 2015/16.La prima vittima di questa assurda ripartizione dei ricavi incrementali è stata il Genoa che ,finito a pari punti(46) con l’Empoli si è visto assegnare il posto n°11 per il minor numero di reti segnate.Vale a dire 2,5 mio in più all’Empoli ed in meno al Genoa.Signori Presidenti ma quando firmate gli accordi sapete cosa fate?Ecco il risultato di aver accettato in classifica il criterio di “parte sinistra” e “parte destra” della stessa.Copiate tutto dalla Premier League e non inventatevi più niente per favore!

  • agostino ghiglione |

    Partorito il criterio Melandri corretto con la Cencelli ci troviamo sempre più lontani dai criteri adottati in Premier che non solo non parla di “parte sinistra della classifica”(criterio assurdo essendo la classifica verticale per definizione)ma recita che le divisioni “democratiche” si fanno così:
    -50 % uguale per tutti i 20 Club;
    -25 % in base al piazzamento del campionato precedente;
    -25 % in base agli effettivi passaggi in Tv.

    Quest’ultima non applicabile al Campionato italiano perchè va in TV il 100% delle partite e non il 45% della Premier.
    Il paracadute della Premier dal prossimo anno è di 150 mio per squadra.Da noi max 25 e min 10.Mediamente come riportato più sopra da Marco 20 mio a club.
    Direi: “come spartirsi la miseria e vivere felici e contenti”.

  Post Precedente
Post Successivo