Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Liga, il 2015 si chiude col segno positivo: 2,6 miliardi di ricavi e utile da 183 milioni di euro

Prosegue l’ascesa nei ricavi per il calcio spagnolo: al termine della stagione 2014/15 il totale messo a bilancio da Liga e Liga Adelante è pari a 2,6 miliardi di euro, da suddividere in 2,42 miliardi per la massima serie e 198 milioni per il torneo cadetto. La crescita dei ricavi, che prosegue nel calcio spagnolo dalla stagione 2011/12, ha portato nel giro di quattro anni ad un aumento di 518,6 milioni di euro. L’utile è di 183,4 milioni di euro.

I ricavi televisivi restano la principale voce nelle entrate della Liga: 785,9 milioni di euro al termine della passata stagione, 5,8 milioni in più rispetto all’anno precedente, quando i proventi dai diritti tv si erano confermati come prima fonte di ricavo. Dietro, ma in calo, i ricavi da stadio, con 587,3 milioni di euro iscritti a bilancio al termine dell’ultima stagione. Un passo indietro di 3,7 milioni di euro che però non fa scendere la voce “matchday” al di sotto del secondo posto, nonostante l’exploit dei ricavi commerciali. Dai 381,9 milioni del 2013/14 si passa a 492,8 milioni di euro, l’aumento maggiore tra i ricavi della Liga. Invariati i ricavi pubblicitari, pari a 72,3 milioni di euro. A completare il quadro dei ricavi troviamo i 337,4 milioni derivanti dalle operazioni di mercato, altro record dopo i 244,7 milioni del 2014, e i 141,5 milioni alla voce altri ricavi.

I costi sono aumentati in maniera minore rispetto ai ricavi: dai 2,2 miliardi del 2014 agli attuali 2,4 miliardi per i due massimi tornei spagnoli, 2,2 dei quali solo per la Liga, che nell’esercizio precedente ha chiuso con poco meno di due miliardi di euro di costi a bilancio. In aumento, principalmente, i costi per il personale sportivo, pari a 1,14 miliardi di euro in massima serie e 88,7 milioni nella Liga Adelante.

  • agostino ghiglione |

    Ai conti economici esposti e da esporre per le altre leghe è possibile conoscere la situazione patrimoniale dei diversi club e complessiva:indebitamento corrente,mutui,anticipazioni finanziarie per proventi futuri(sponsorizzazioni,diritti tv,ecc).Ne uscirebbe un quadro più completo.In effetti un conto economico deve essere integrato in quello patrimoniale.O no?

  • agostino ghiglione |

    Caro Marco, grazie per le notizie.Avevo ascoltato, stanotte, in replica notturna l’intervento a Radio24 in cui hai spiegato molto bene come ha fatto la Liga a diventare virtuosa dopo anni bui(TPO etc..).Inoltre che il deficit della nostra Lega di Serie A è di oltre 300 mio senza accenni a riduzioni.Peccato non si prenda atto che ci possono essere esempi virtuosi da copiare anche dove ci sono i due tra i più importanti club calcistici mondiali:Barcellona e Real Madrid.
    Il loro ranking Uefa garantisce da anni 4 squadre in Champions.Ed onorano alla grande anche la Uefa League.Non ci fossero stati incontri diretti tra di loro sarebbe di gran lunga la nazione con più squadre nelle competizioni europee.

  • Marco Bellinazzo |

    Sì c’è il periodico Report Calcio di Figc, Pwc e Arel che dovrebbe essere pubblicato a breve

  • agostino ghiglione |

    Caro Marco,qualche settimana fa ci hai presentato i risultati della Bundesliga oggi quelli della Liga;allora ti chiedo se la nostra Lega di Serie A presenta anche lei i bilanci complessivi dei Club aderenti e in caso di utile(come nello specifico di 183,4 mio della Liga) come possono essere utilizzati?Grazie.

  Post Precedente
Post Successivo