Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La Champions League 2015/16 “premia” Juventus (76,2 milioni di ricavi) e Roma (68,4 milioni)

champions

Il Real Madrid, vincitore dell’ultima edizione della Champions League, non è la squadra che ha ricavato di più dalla partecipazione alla massima competizione continentale. I Blancos hanno incassato infatti 80 milioni ma sul primo gradino del podio della Champions è salito il Manchester City che ne ha ottenuti 83,8. Alle loro spalle si è piazzata la Juventus con  76,2 (di cui 5,8 milioni per i risultati nel girone, quasi 52,9 di market pool e 5,5 per l’accesso agli ottavi di finale) e il Psg con 70,8 milioni.

Alle 32 squadre che hanno disputato nella stagione 2015/16 la Champions è andato un montepremi totale di 1,3 miliardi di euro, 315 milioni in più rispetto alla stagione precedente, comprensivi del bonus partecipazione (12 milioni a testa), bonus sportivi, market pool e diritti tv. La Roma, uscita agli ottavi per mano di Cristiano Ronaldo e compagni, si è potuta ‘consolare’ con quasi 70 milioni (68,4 per la precisione, di cui 3 milioni in premi per i risultati ottenuti nel girone, quasi 48 milioni di ‘market pool’ e 5,5 per l’accesso agli ottavi di finale), che la collocano nella top ten dei ricavi. Addirittura più di club blasonati come il Barcellona (56,5 mln), Bayern Monaco (64,3), Arsenal (53,4), e in linea con corazzate come il Chelsea (69,1) e Atletico Madrid (69,6): una situazione al limite del paradosso e che si spiega non con i risultati sportivi ma col mercato dei diritti tv e anche del market pool che ha favorito l’Italia per la presenza di solo due squadre. La Lazio fu eliminata ai playoff e si è dovuta accontentare di un paracadute di 13,8 milioni). Le 20 partecipanti agli spareggi, di cui 10 qualificate per la fase a gironi, e le altre 10 che sono passate alla fase a gironi di Europa League si sono divise 50 milioni di euro

Più contenuti gli introiti per le 56 squadre che hanno partecipato alla fase a gironi e/o alla fase a eliminazione diretta di Europa League, che si sono divise un terzo della torta Champions: 411,1 milioni, comunque con un aumento significativo rispetto ai 240 milioni dell’anno prevedente. In questo caso, la parte del leone spetta a Liverpool (37,8 milioni), Tottenham (20,8), Villareal (16,4) e Lazio (15,3) che, considerando anche il ‘paracadute’ di 13,8 milioni per l’uscita anticipata dai playoff della Champions, ha portato a casa quasi 30 milioni (29,2 milioni). Il Napoli si è dovuto accontentare di 12,5 milioni, la Fiorentina di 11,1.

  • agostino ghiglione |

    Dunque da quanto leggiamo sopra avere solo 2 squadre italiane a disputare la Champions si dimostra un affare per le due Società che vi partecipano rispetto ad esempio alle 4 della Premier.Quindi non capisco perchè proprio i Club italiani e la Juventus siano stati i promotori dal 2018 della partecipazione sicura di 4 nostre squadre.In termini economici non ci vedo alcun interesse in termini sportivi, rimanendo così lo stato delle squadre italiane, il risultato sarà disastroso.

  Post Precedente
Post Successivo