Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tra Ryder Cup e Tor di Valle perde l’Italia migliore

C’è una trama che tiene agganciate   le vicende, solo apparentemente distanti, che in questi giorni funestano lo Sport System italiano. Un misto tra disfattismo e nichilismo in cui si arena l’Italia migliore.

Dopo l’inopinato abbandono della corsa alle Olimpiadi del 2024, questo clima nefasto si sta abbattendo sul progetto da 1,6 miliardi del nuovo stadio della Roma da edificare a Tor di Valle e sulla Ryder Cup di golf del 2022. Tra superficialità e conformismo si rischia, per altri versi, di non cogliere appieno le cause (e le relative cure) di infezioni   gravissime come quelle portate alla luce dall’attentato incendiario subito dal patron del Pescara   Daniele Sebastiani e dalle infiltrazioni della criminalità organizzata nelle curve, incluse quelle dell’”avamposto” più moderno della Serie A, lo Juventus Stadium. A tal proposito la Commissione parlamentare Antimafia ha da poco istituito un comitato, coordinato da Marco Di Lello (Pd), che in queste settimane studierà le dinamiche delle connessioni in atto tra mafie e manifestazioni sportive. Dall’inchiesta torinese “Alto Piemonte” legata al fenomeno del bagarinaggio a quella catanese dei “Treni del Gol” , da cui emerge un sistema di partite truccate e di fenomeni estorsivi anche a danno dei calciatori, con tifoserie contaminate d alla criminalità organizzata. Un’iniziativa parlamentare lodevole, a patto che non ci s’incarti in uno di quei rapporti d’ordinanza destinati alla polvere dei sottoscala.

Eppure, sconta anch’essa la mancanza di un approccio globale e strutturale allo Sport System contemporaneo. L’industria sportiva   in Europa vale circa il 3% del Pil e ha ricadute incommensurabili sul turismo, sul welfare e sull’educazione dei giovani. È un settore nevralgico per le politiche economiche e sociali. Lo si è compreso in tutto il mondo, tranne che in Italia dove questa consapevolezza stenta a sedimentarsi. La mancanza di una cultura dell’industria sportiva è ancora più controproducente della scarsa cultura sportiva (Juve-Inter docet) che affligge questo Paese. La classe dirigente, sportiva e non, dovrebbe comprenderlo prima e più degli altri e prendersi finalmente sul serio.  Pretendere da se stessa il meglio è il primo passo per ottenere il rispetto degli altri e delle istituzioni politiche. Senza prestare continuamente   il fianco a pressappochisti e arruffapopolo.  Solo in un Paese che giorno dopo giorno si sta intristendo, smarrendo il senso e l’orgoglio della sfida, si può assistere a uno stillicidio di polemicucce e infingimenti che imbastardiscono il dibattito pubblico impedendo ai più di penetrare il merito e l’opportunità di certe scelte.

p.s.

Auguri ad Ernesto Colnago per i suoi 85 anni, un manifesto del ciclismo e di quel made in Italy che dal Dopoguerra non ha mai smesso di sognare e di creare il proprio domani.

(pubblicato su Il Sole 24 Ore dell’11 febbraio 2017)

  • agostino ghiglione |

    L’Olimpico non è uno Stadio idoneo per vedere le partite di calcio.Troppo distante il terreno di gioco per la pista di atletica.Peggio ancora stanno le Curve (Nord e Sud).Io vivo a Roma e non ci vado dai mondiali ’90 partita inaugurale Italia-Austria (1-0 gol di Totò Schillaci).
    Lo Stadio come più volte detto a Tor di Valle si fa nella logica che chi paga le opere infrastrutturali per realizzare lo Stadio riceve una compensazione economica di cubature commerciali e residenziali.Quindi spero che lo Stadio si faccia!

  • BIUTRE |

    RIDER , COME IL NOME FA RIDERE , PRIMA LO STATO DEVE FARE ALTRE COSE , TIPO STANZIARE I SOLDI DEI TERREMOTATI , E NON SOBBARCARSI I COSTI DI UN TORNEO , DATO CHE GENERE TANTO CHE LO FACCIA LA FEDERAZIONE GOLF SE HANNO I SOLDI ALTRIMENTI NADA .
    LA ROMA DEVE FARE UNO STADIO NON UN QUARTIERE RESIDENZIALE , POI VOLGIONO FARLO COSTRUIRE A UNO PIENO DI DEBITI IN MODO DA GENERARE ALTRI DEBITI , PER TUTTO QUESTO SCHIFO DI INTRECCIO CON LA POLITICA SPERO CHE LO STADIO NON SI FACCIA , C’E’ L’OLIMPICO DA RIMETTERE APOSTO .

  • Gualco Ferruccio |

    Un po’ retorico il suo articolo. Un po’ una forzatura mischisre le Rider e gli stadi nuovi con le polemiche inter – Juve. La Roma vuole lo stadio nuovo ? Bene se lo faccia ma non chieda niente , o meglio , chieda le agevolazioni che avrebbe un qualsiasi imprenditore che voglia provarci. La Roma e’ carica di debite , Pallotta non ha soldi e il costruttore e’ famoso per i debiti non pagati. La Rider vuole la fideiussione? Bene se la federazione del golf hai i soldi vada in banca e la compri. Come fanno tutte le aziende . Perche’ la deve dare lo Stato ? Cosa c’entra la polemica del post partita? La curva dello juventus stadio e’ gestita dalla mafia? Si chieda conto ad Agnelli forse non e’ tutto oro quello che luccica.
    Gli stadi di proprieta’ vanno bene se sono pagati dalla comunita’ e regalati o quasi alle societa’ insieme alle cubature e ai servizi. Se non e’ cosi’ il conto non torna , tanto vale mettere a posto gli esistenti e manutenerli meglio.
    In Inghilterra sono altre le fonti di reddito a cominciare dalle tv per finire agli strani risultati e alle scommesse.

  Post Precedente
Post Successivo