Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bundesliga, rischio ripartenza senza tifosi: al vaglio la chiusura degli stadi fino al 2021

La stagione 2020/21 in Bundesliga dovrebbe iniziare senza pubblico. L’aumento dei contagi di Covid-19 starebbe infatti spingendo la cancelliera Angela Merkel a prolungare le restrizioni già in atto per quanto riguarda la presenza di pubblico nelle manifestazioni sportive e culturali, ovvero la chiusura degli stadi e di tutti gli impianti sportivi. L’incontro tra la cancelliera e i rappresentanti dei Länder tedeschi ha portato alla convocazione di un gruppo di lavoro per elaborare una proposta in vista della partenza della nuova stagione sportiva, ma i segnali sono tutt’altro che ottimistici al riguardo. Per il presidente della Baviera, Markus Soder, il ritorno dei tifosi sugli spalti “potrebbe essere un’opportunità per Natale”, ma il rischio è che le attuali misure possano essere prorogate fino al 2021.

Mentre in Germania si valuta di non riaprire le porte, il 24 settembre il Bayern Monaco scenderà in campo a Budapest contro il Siviglia per la Supercoppa Europea e per l’occasione la Uefa ha concesso una riapertura al pubblico, con la possibilità di vendere un numero di biglietti pari al 30% della capienza della Puksas Arena (che può contenere al massimo 67.889 spettatori). I campioni di Germania e d’Europa daranno dunque il via alla stagione europea con i tifosi sugli spalti, seppur in numero ridotto, ma potrebbero dover disputare tutto il girone d’andata della Bundesliga senza pubblico, così come le altre squadre tedesche. Inoltre, Bundesliga e federazione hanno aggiornato il protocollo per i club di massima serie e di seconda divisione, con una serie di misure che dovranno essere approvate nell’assemblea convocata per il prossimo 3 settembre.

  • Maurizio |

    In Germania hanno l’opportunità di avere comunque stadi all’avanguardia, dove risulterebbe piú facile aprire in parte al pubblico, non capisco come noi in Italia ipotiziamo una riapertura al pubblico con strutture obsolete…è la dimostrazione che siamo indietro su tutto

  Post Precedente
Post Successivo