Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mondiale 2022, assicurazione da 900 milioni di dollari sulla cancellazione

La Fifa si mette al riparo dal rischio di una possibile cancellazione del Mondiale 2022 in Qatar. Come pubblicato sul report annuale del massimo organismo calcistico mondiale, nel 2019 è stata stipulata una polizza assicurativa “per un volume massimo di 900 milioni di dollari”, ovvero 757,5 milioni di euro, “che copre i costi addizionali in caso di cancellazione, rinvio e/o trasferimento dell’evento”. Stessa cifra prevista per il Mondiale del 2018 in Russia, anche se in quel caso la polizza copriva solo il rischio di rinvio o cambio di sede. Tra i rischi previsti nell’accordo per l’evento in Qatar, sono elencati “disastri naturali, incidenti, crisi politiche, guerre, attentati terroristici e malattie infettive”. Quest’ultimo fa proprio al caso attuale, in piena emergenza sanitaria, per quanto tale assicurazione sia stata stipulata prima che l’Oms classificasse l’epidemia di Covid-19 come pandemia.

La necessità di ricorrere ad una polizza assicurativa è dovuta al peso che la Fifa stessa dà all’evento: “La posizione finanziaria della Fifa – si legge nel report – dipende dal successo del Mondiale, perché quasi tutti i contratti con i suoi affiliati commerciali sono legati a questo evento. Nel caso di cancellazione, riduzione o abbandono del Mondiale, la Fifa correrebbe il rischio di essere potenzialmente esposta ad azioni legali”. Come si evince dal report del 2014, il Comitato Esecutivo ha deciso di assicurare il Mondiale contro il rischio di rinvii e spostamenti dal 2008, per tutti i possibili motivi sopra elencati. L’eventuale cancellazione dell’evento, però, non era coperta dall’assicurazione, ma sarebbe stata coperta dalla Fifa per mezzo di risorse finanziarie proprie. Per questo, nel quadriennio 2011-2014, la Fifa ha focalizzato il proprio impegno nell’aumento delle proprie riserve, particolarmente dovuto “al fatto che è quasi impossibile trovare una polizza sulla cancellazione che copra un evento di tale grandezza”.

Già a causa della crisi legata alla pandemia, la Fifa ha visto ridursi le proprie riserve del 27%: al 31 dicembre 2020, sono pari a 1,58 miliardi di euro, circa 592 milioni di euro in meno rispetto al 2019. Nonostante gli effetti del Covid-19, però, i ricavi sono in linea con le previsioni per il quadriennio che terminerà nel 2022. Al termine del 2020 è già stato raggiunto l’80% del budget totale, ovvero 4,3 miliardi di euro su un totale di 5,4 miliardi previsti per il periodo. Inoltre, il 92% dei ricavi previsti dalla vendita dei diritti televisivi sono già stati contrattualizzati, con diversi diritti regionali già venduti. Nello specifico, solamente nell’ultimo anno, i ricavi della Fifa hanno superato i 224 milioni di euro, circa il 7% in più rispetto alle previsioni.

Per il Mondiale 2022, la Fifa prevede un budget di circa 1,7 miliardi di dollari (oltre 1,4 miliardi di euro), la maggior parte dei quali destinati ai premi per le federazioni partecipanti al torneo, pari al 26% dell’intera cifra (circa 370 milioni di euro). I costi operativi dell’evento sono invece stimati in 271 milioni di euro, principalmente dovuti a trasporti, biglietteria, management e assicurazioni per giocatori e componenti degli staff tecnici. Per il Mondiale in Russia nel 2018, le spese complessive affrontate dalla Fifa hanno raggiunto la soglia degli 1,8 miliardi di dollari (poco più di 1,5 miliardi di euro).