Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Maradona al Sole 24 ore: “Voglio fare il testimonial del fisco umano”

Riguardo alla mia situazione con il fisco ho già fatto sapere tramite il mio legale Angelo Pisani ed attraverso i media e ribadisco che sono stato vittima da da molti anni di una congiura fatta verso di me da ignoti che non mi volevano bene”.  

Diego Armando Maradona, da Dubai, dove da un anno alla guida dell'Al-Wasl Sports Club, ha accettato di rispondere al Sole 24 Ore fornendo, tramite il suo legale Angelo Pisani, la sua versione dei fatti sulla querelle da 40 milioni di euro che lo vede opposto al Fisco itlaiano.

La vicenda tributaria e processuale, del resto, potrebbe avere un epilogo conciliativo nelle prossime settimane. Anche alla luce di una sentenza del 1994 che ha annullato analoghi accertamenti del Fisco.  

Molti in Italia (tranne i napoletani, ovviamente) pensano che lei sia un evasore. Cosa si sente di rispondere?

“Non sono mai stato un evasore e voglio che lo capiscano i cittadini ed  i contribuenti prima dei giudici  e di equitalia perche mi fa piacere tornare in Italia a testa alta e lavorare in pace. Non voglio sconti e privilegi ma solo sedermi con befera ed il mio avvocato per sanare questo infinito equivoco”.

Befera ha detto che l’aspetta per sanare la situazione. È pronto a trovare un accordo con l’agenzia delle Entrate?

“Rispetto il lavoro di befera e voglio capire perché sono stato sempre visto come un evasore se io non ho mai fatto del male a nessuno ed ho sempre pagato le tasse che conoscevo come dico e dirò sempre”.

E se le proponessero di fare da testimoniale del Fisco italiano?

“Sono pronto a fare il testimonial della legalità ed anche del fisco umano. Ho imparato tante cose nella mia vita e sono pronto ad essere l’esempio di una buona soluzione per il  fisco che sa ascoltare i cittadini che non sono degli evasori per professione , il fisco che alla fine fa prevalere la giustizia e la saggezza”

Napoli l’aspetta. Quando tornerà?

“Tornerò prima per l’udienza nel rispetto dei giudici e per dimostrare la mia buona fede ed innocenza per la causa che io stesso ho chiesto per chiarire il mio caso dopo i consigli del mio amico avvocato. Salvo impegni lavorativi in Arabia dove lavoro ed ho un contratto con gli arabi gelosi del mio amore per napoli arriverò puntuale, perché la pace col fisco deve essere una festa”.

 

  • Marco Bellinazzo |

    Tra società (sostituto d’imposta) e calciatori (sostituito) c’è una obbligazione in solido dal punto di vista fiscale. Nel caso Maradona, la contestazione riguardava però modalità di incasso di emolumenti legati ai diritti d’immmagine sottoscritti da Maradona in persona.
    La responsabilità è chiaro va poi dimostrata in giudizio e i legali di Diego sostengono che manca appunto tale prova. Staremo a vedere. (M. Bel.)

  • marco |

    Che io ricordi le tasse allora come ora le pagano i club e i giocatori percepiscono uno stipendio netto, quindi credo che l’evasore sia stato Ferlaino e non Maradona o sbaglio?

  Post Precedente
Post Successivo