Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Matrimonio Juventus-Adidas: ecco tutte le cifre di un affare da 32 milioni a stagione

La Juventus raddoppia gli introiti legati alla sponsorizzazione tecnica, lasciando Nike e trovando in Adidas dalla stagione 2015/16, un nuovo munifico partner commerciale che garantirà al club bianconero circa 32 milioni a stagione per sei anni, per un totale di oltre 190 milioni. Nel periodo coperto dalla nuova sponsorizzazione, infatti, l'Adidas verserà nelle casse della Juventus 139,5 di corrispettivo fisso (poco più di 23 milioni all'anno), 6 milioni all'anno per la gestione delle attività di licensing e merchandising  e circa 2,5 milioni all'anno per le forniture di materiale tecnico. La Juventus poi beneficerà di royalties addizionali al superamento di determinati volumi di vendita e di premi legati ai risultati sportivi. Un'ottima notizia in vista dell'assemblea in programma il 25 ottobre per approvare il bilancio al 30 giugno 2013.
Fino al giugno 2015, e quindi per tutta la stagione in corso e la prossima, la Juventus "proseguirà la sua collaborazione con Nike sponsor tecnico e licenziatario". Nike garantiva finora al club bianconero più o meno le metà degli introiti (circa 15 milioni a stagione).

  

  • agostino ghiglione |

    luca,gianluca,tifoso sempre coerente eccetera un nome ed un cognome avete difficoltà a comunicarlo!
    Per me valete come il “due di briscola”!

  • luca |

    non è assolutamente un buon accordo è l’ho spiegato sopra. Poi si scopre eprfino che il Milan prende di più come ha scritto oggi il direttore di Milan Channel Suma (anche se Bellinazzo ha scritto nei giornis corsi che il contratto Milan-Nike prevedeva 20 milioni forse la pubblicazione del contratto Juve è servito al Milan a far alzare i suoi compensi, senza giustificazione peraltro visto che la Juve ha venduto nel suo quinquennio più complicato più maglie del Milan

  • Gianluca |

    mi sembra un buon accordo. La durata breve costringerà i maggiori player del settore ad ingaggiare, fra non molti anni, una lotta serrata per sottrarre la fornitura all’Adidas, facendo lievitare il valore a cifre ben più elevate rispetto alle attuali. Siamo invece ancora molto indietro nel settore commerciale, laddove il gap con Milan e top club europei è ancora troppo ampio.

  • Fabrizio Rotelli |

    @ Luca
    cosa avrebbe dovuto fare la dirigenza?
    dire: “no mi dispiace o mi tratti come lo United o niente”
    …non capisco quale sia la tua soluzione?
    La serie A e la Juventus sono in questo momento realtà di seconda fascia, è inutile paragonarsi a real Barca e a qualsiasi società della premier e pretendere lo stesso trattamento economico.
    Il contratto stipulato certifica questa distanza,
    ma resta comunque un buon contratto.
    Solo con una ritrovata competitività della serie A e delle squadre italiane in Europa ci si potra sedere ad un tavolo con piu forza contrattuale nei confronti degli sponsor.
    Ma la strada è davvero lunga e non basteranno
    2 o 3 stagioni.
    Sul fatto che il mediaticamente venga un po esaltata questa dirigenza, mi trovi in accordo,
    direi che stanno facendo bene il loro lavoro,
    e guardando il contesto in cui operano non è male.
    Ciao
    Fabrizio

  • luca |

    gaurda non meriti risposta non significa i nulla “abbiamor addoppiato le entrate”

  Post Precedente
Post Successivo