Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

L’Asia “studia” come diventare il centro del calcio mondiale al Forum di Soccerex ad Amman

L’Asia “studia” come diventare il futuro centro del calcio mondiale. Il Continente più vasto e popolato, con un territorio che va dal Bosforo all’Estremo Oriente, si candida dunque a guidare il movimento calcistico globale e si è dato appuntamento in questi giorni ad Amman in Giordania, sulle rive del Mar Morto, all’Asian Forum di Soccerex, un evento che ha coinvolto tutte le personalità, i club e le aziende principali che operano nel continente. A chiarire il senso dei lavori è stato il principe Ali Bin Al Hussein, vicepresidente di Fifa Asia: “Il futuro del calcio è qui – ha detto – qui c’è fame di pallone e tutto il mondo ci guarda con interesse, visto che tra otto anni per la seconda volta i Mondiali saranno organizzati nel nostro continente”. Il tutto senza contare che l’India esordirà sulla scena internazionale e ospiterà il Mondiale Under 17 nel 2017 e che Dubai avrà l’Expo 2020.
Delle opportunità che l’Asia offre per le aziende e i club occidentali, ha parlato Paul Rogers, capo dello sviluppo dell’internazionalizzazione del Liverpool: “Crediamo fortemente che il processo di internazionalizzazione possa portare vantaggi non solo economici per i club ma soprattutto a livello culturale”.
Oltre a club e società di Spagna, Turchia e Inghilterra, ad Amman per l’Italia è stata invitata a presentare il proprio punto di vista Gea World, società che oggi si occupa principalmente di marketing e strategie di internazionalizzazione e valorizzazione del brand. “Senza marketing non cʼè competitività – ha spiegato il direttore generale Carlo Oggero -. I tifosi italiani si scordino che la loro squadra possa essere protagonista e vincere una coppa Europea per i prossimi dieci anni. LʼItalia sarà competitiva solo se i club e la Lega si muoveranno adesso verso la direzione dellʼaumento dei ricavi con investimenti nel marketing internazionale e con un presidio del territorio ed esportazione del nostro know- how come fanno la Bundesliga e le società di Premier League”. Sulla stessa linea si è espresso l’azionista Riccardo Calleri che ha sottolineato come sia cambiato il mestiere di procuratore e di come, a parte i tre club finanziati da magnati, solo i club che ormai sono brand globali come Real Madrid, Manchester United, Bayern e Barcellona possano permettersi i migliori giocatori: “Fin quando non lo faranno anche le società italiane con conseguente aumento dei ricavi, sarà impossibile vedere i Cristiano Ronaldo o i Messi nel nostro campionato”.