Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Serie B, è caos ripescaggi per la ventiduesima squadra: a rischio lo slittamento dei calendari

È scaduto il termine per presentare le domande di ripescaggio in Serie B, ma il Collegio di Garanzia del Coni ha ammesso il ricorso presentato del Novara a seguito del fallimento del Siena. Il nome della ventiduesima squadra partecipante al prossimo campionato di Serie B dovrebbe essere reso noto nella giornata di mercoledì. Tra le società a concorrere per l’ultimo posto disponibile nella serie cadetta, però, sono presenti casi di squadre non ammissibili in quanto coinvolte nello scandalo scommesse (Novara, Reggina e Lecce), o che hanno usufruito di ripescaggi nelle ultime cinque stagioni sportive. In quest’ultimo caso non verrebbe preclusa a priori una nuova ammissione in Serie B, ma l’esclusione sarebbe effettuata solo nella prima fase di ripescaggio. Qualora dovesse tenersi una seconda fase, verranno prese in considerazione le squadre ripescate una sola volte negli ultimi cinque anni.

I criteri per il ripescaggio. Sono tre i criteri che verranno adottati per stilare la graduatoria delle candidate al ripescaggio in Serie B: la classifica finale dell’ultimo campionato, per un valore del 50%; la tradizione sportiva della città, per un valore del 25% e la media spettatori nelle stagioni dal 2008/09 al 2012/13 per un valore del 25%. Per quanto riguarda le posizioni in classifica nella passata stagione, la graduatoria partirà dai 32 punti della 19° classificata nell’ultimo campionato di Serie B (Novara), arrivando fino alla 16° classificata in Lega Pro 1ª Divisione 2013/14 con la minor media punti tra i due gironi, che avrà un punto in graduatoria. La tradizione sportiva della città verrà valutata secondo le partecipazioni ai campionati di Serie A (10 punti per ogni campionato disputato) e di Serie B dalla stagione 1929/30 (7 punti per ogni campionato disputato), per la partecipazione ai Campionati di Serie C e Lega Pro 1ª Divisione a partire dal 1935/36 (4 punti per ogni campionato disputato), per la partecipazione ai Campionati di Serie C2 e Lega Pro 2ª Divisione a partire dal 1978/79 (2 punti per ogni campionato disputato) e per le vittorie di Scudetto (4 punti), Coppa Italia (2 punti), Supercoppa LNP (1 punto). Nel caso di parità di punteggio nella graduatoria finale, prevarrà la società che ha ottenuto la Licenza Nazionale nel termine dell’11 luglio 2014. Se tale criterio non dovesse essere sufficiente, verrà scelta la squadra che non è stata sanzionata con punti di penalizzazione per le stagioni 2013/14 o 2014/15. In caso di ulteriore parità, verrà ripescata la squadra meglio posizionata in classifica nella stagione 2013/14.

Novara in attesa per il ricorso. I criteri per il ripescaggio hanno suscitato non poche polemiche tra le società concorrenti alla ventiduesima piazza in Serie B. Il Novara ha infatti proposto un ricorso all’Alta Corte di Giustizia Sportiva del Coni contro la delibera di adozione dei criteri di ripescaggio. L’udienza si terrà il 28 agosto alle 16, due giorni prima dell’inizio del campionato di Serie B, fissato per il 30 agosto. Ad annunciare possibili ricorsi è anche il presidente della Juve Stabia, Franco Manniello, nel caso in cui ad essere ripescato non dovesse essere il club campano. Il numero uno stabiese ha già dichiarato di voler chiedere un risarcimento in caso di mancato ripescaggio. Questa situazione di caos venutasi a creare a pochi giorni dall’inizio del campionato potrebbe anche portare a uno slittamento dei calendari.

Lega Pro, i casi di Vicenza e Matera. Ad aver presentato domanda per il ripescaggio, oltre alle squadre retrocesse dalla Serie B (con Novara e Reggina inammissibili perché coinvolte nello scandalo scommesse) vi sono anche una serie di squadre provenienti dalla Lega Pro che, stando ai criteri vigenti per la graduatoria, sarebbero le principali candidate per il ventiduesimo posto. Pisa, Catanzaro e Benevento sono in corsa per un’insperata “promozione” nella serie cadetta, qualora dovesse essere escluso il Vicenza, già ripescato nella stagione 2012/13. A queste, oltre a Como, Gubbio e Salernitana, va aggiunta la richiesta del Matera, squadra neopromossa in Lega Pro dopo aver vinto il proprio girone di Serie D. Una scelta dal suono decisamente provocatorio, fatta principalmente per mettere “tutti i club della Lega Pro sullo stesso piano”, come spiegato dal patron Saverio Columella.

  • agostino ghiglione |

    A Rino.Per favore essere concreti di che squadra parli?

  • rino |

    Ad agostino: di granata c’è una quadra che pochi anni fa ha fatto 28000 abbonati in serie A e che l’anno scorso pur avendo fatta un campionato mediocre di c ha portata allo stadio un numero di spettatori non inferiore a 15 squadre di b. Con 15000 paganti in una sola partita. Ps: la reggina è amaranto.

  • agostino ghiglione |

    a kKkK
    Io di GRANATA in questo contesto ricordo solo i colori della Reggina. Mi sbaglio?
    Se invece si riferiscono al Toro trovarli qua è proprio di pessimo augurio!

  • kKkK |

    FORZA GRANATA !!! incrocio le dita e in tanto sxro…

  • Paolo |

    Tutte grandissime società per carità…. ma tutte con pendenze a carico . L’unica a non aver pendenze con nessun organo sportivo è il CATANZARO…. vantando 7 campionati in serie A e 28 in serie B.

  Post Precedente
Post Successivo