Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Per la Juventus un primo trimestre 2015/16 da record: i ricavi superano i 100 milioni

Per la Juventus è record di ricavi nel primo trimestre della stagione appena iniziata. Se in campionato la squadra ha faticato in queste prime giornate, il club tra luglio e settembre 2015 ha registrato un utile di 16,8 milioni, con un miglioramento di 45,4 milioni rispetto al primo trimestre della scorsa stagione chiuso con una perdita di 28,6 milioni. L’exploit è dovuto a maggiori proventi della gestione calciatori per 28,7 milioni, a un incremento delle entrate strutturali di 23 milioni (i diritti tv sono cresciuti da 20 a 36 milioni) e a 10 milioni di ricavi netti non ricorrenti. Il totale dei ricavi trimestrali è balzato da 53,2 a 104 milioni, mentre i costi totali sono saliti di 14,2 milioni a 76,5 milioni. Tra le note negative l’aumento degli ingaggi di 9,7 milioni, da 43 a 53 milioni, nonostante gli addii di Vidal, Pirlo e Tevez. L’indebitamento finanzario netto è salito in tre mesi di 6,8 milioni a quota 195,7 milioni, soprattutto per effetto della campagna acquisti, nonostante plusvalenze per 33,8 milioni (legate soprattutto alle cessioni di Vidal e Coman al Bayern Monaco). Le operazioni della campagna trasferimenti dell’estate 2015 hanno comportato complessivamente un aumento del capitale investito per 114,7 milioni (frutto di acquisizioni per 134,9 milioni e cessioni per 20,2 milioni).

 

  • AT |

    Mi permetto di inserirmi nel confronto.
    Credo che il problema della Juventus dal punto di vista commerciale, possa essere rappresentato paradossalmente dal Gruppo Exor.
    La Juventus percepisce da FIAT “un corrispettivo annuo,a partire dalla stagione 2015/2016, di 17 milioni di euro” (fonte il sole 24 ore, 31 luglio 2014) mentre il Manchester United da Chevrolet percepisce annualmente circa 60 milioni(fonte il sole 24 ore, 31 luglio 2014).
    Cominciare a cercare sponsor per la maglia al di fuori di casa Fiat potrebbe essere, a mio avviso, il primo passo per aumentare i ricavi commerciali.
    Mi rendo conto dell’attuale superiorità della Premier League rispetto al campionato italiano (alla quale non corrisponde una superiorità sportiva del club inglese su quello italiano); ma allo stesso tempo sono convinto che una squadra che ha vinto gli ultimi 4 campionati ed è stata finalista di Champions nell’ultima edizione, debba essere in grado di reperire maggiori fonti di finanziamento da sponsor (cercando le migliori opportunità sul mercato).

    Una considerazione anche sull’aumento degli ingaggi nonostante gli addii di Tevez, Vidal e Pirlo; inoltre aggiungo anche la cessione gratuita di Llorente. Da queste operazioni, l’orientamento della società sembrerebbe quello di aumentare i costi proporzionalmente alla crescita dei ricavi, al fine di concludere l’esercizio con un utile moderato.

    Un saluto

  • agostino ghiglione |

    Caro Sig.Vincenzo,ci siamo già incrociati su questo blog esponendo anche idee divergenti,leggo che lei ambisce ad arrivare a ricavi strutturali di 300 mio all’anno senza proventi Champions League.Siccome penso non le difetti la preparazione vorrebbe elencare almeno 5 punti salienti realistici per poter arrivare a questo obiettivo? Ma non mi dica di migliorare gli importi dello sponsor tecnico(già fatto e per diversi anni),ne di quello sulle maglie o su qualunque parte dell’abbigliamento(perchè passare da Jeep o da Alfa Romeo o altro marchio di auto porterebbe a marginali incrementi di entrate).Sono curioso di leggerle ma la invito ad essere concreto.Certo la Cantinassa non consentirà per anni di produrre ricavi strutturali che saranno comunque modesti essendo legate ad attività immobiliari a basso valore aggiunto(alberghi,abitazioni etc.).La ringrazio anticipatamente e la informo di non essere neanche juventino ma mi intriga sapere come la prima squadra italiana di alto prestigio che si è costruita lo stadio di proprietà intende affrontare con realismo il problema prospettato.Non dimentico che è pendente presso la Federcalcio una temeraria richiesta di danni patrimoniali per “calciopoli” che ammonta a 430 mio.Aggiungo che i continui “rumors” sugli assetti dei vertici aziendali non depongono a favore di tutto quanto sopra.Cordialità.

  • Vincenzo |

    URGE AUMENTO RICAVI COMMERCIALI CON STRATEGIE MIRATE SUL LUNGO PERIODO,LA SOCIETÀ LO STA FACENDO MA NON BASTA.BISOGNA ARRIVARE A 300 MILIONI DI RICAVI STRUTTURALI AL NETTO DELLA PARTECIPAZIONE IN CHAMPIONS LEAGUE;SOLO IN QUESTO MODO IL BUSINESS SARÀ SOSTENIBILE SENZA FAR LEVA SUL PLAYER TRADING E COMPETERE CON I TOP CLUB IN EUROPA.

  Post Precedente
Post Successivo