Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Borussia Dortmund, non bastano 90 milioni di ricavi: il primo trimestre 2015/16 si chiude in rosso

Il primo trimestre della stagione 2015/16 si chiude col segno negativo per il Borussia Dortmund, che aumenta i propri ricavi consolidati del 28,6%, ma chiude con un passivo di 5,6 milioni di Euro. Il gruppo Borussia Dortmund GmbH & Co. ha registrato un aumento delle entrate, passando dai 70 milioni di euro del trimestre luglio-settembre 2014 ai 90 milioni dello stesso periodo preso in esame nel 2015, senza però replicare il risultato positivo di un anno fa, quando la trimestrale venne chiusa con un utile di 2,4 milioni. Praticamente invariato l’ebitda del gruppo, pari a 13,9 milioni di euro.

Il Borussia ha nuovamente alzato l’asticella dei ricavi nel primo trimestre, grazie principalmente ai ricavi da partite, pubblicitari e dal trasferimento di giocatori. Nel primo caso l’aumento è dovuto ad un numero maggiore di partite disputate al Signal Iduna Park, tra turni preliminari di Europa League e Bundesliga, oltre che alle amichevoli disputate nel corso della tournée asiatica. I ricavi da partite ammontano a 13 milioni di euro, contro gli 8,06 milioni di un anno fa, in aumento così come gli introiti pubblicitari, che portano nelle casse del Borussia 20,5 milioni di euro (3,6 milioni in più rispetto al primo trimestre dell’esercizio precedente). L’aumento maggiore lo si registra però nei ricavi da trasferimento dei tesserati, passati da 3,6 a 16,8 milioni di euro grazie alle cessioni a titolo definitivo di Kampl e Grosskreutz, oltre che di quelle a titolo temporaneo di Immobile e Blaszczykowski. In controtendenza i proventi televisivi, in calo da 23,7 a 21,9 milioni di euro a causa del mancato accesso alla Champions League. Pressoché invariati i ricavi da merchandising (10,9 milioni di euro) e ricavi da altri servizi (6,9 milioni di euro).

I costi totali nel primo trimestre dell’esercizio in corso subiscono un’impennata, passando dai 67,7 milioni del periodo luglio-settembre 2014 ai 96,2 milioni del primo quarto del bilancio attuale. I costi del personale, pari a 31 milioni di euro, hanno visto un aumento di 6,3 milioni rispetto allo stesso periodo preso in esame nell’esercizio precedente. Per quanto riguarda la rosa del Borussia, sono in aumento anche gli ammortamenti, passati da 10,1 a 19,1 milioni di euro. Pesano i tour dello stadio e la gestione del servizio catering nel corso delle partite nell’aumento di 1,3 milioni alla voce costi dei materiali, pari a 7 milioni di euro complessivi. Gli altri costi operativi, invece, balzano da 27,2 a 39 milioni di euro.

Il capitale sociale del Borussia Dortmund GmbH & Co. al 30 settembre 2015 è pari a 92 milioni di euro. La struttura degli azionisti vede Evonik Industries AG mantenere il 14,78% delle azioni, mentre Bernd Geske è passato dall’8,59% dell’ultimo semestre dell’esercizio precedente all’attuale 8,8% del pacchetto azionario. Invariate le quote di Ballspielverein Borussia 09 e.V. Dortmund (5,53%), Signal Iduna (5,43%) e Puma SE (5%). Il restante 60,46% è free float.