Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Euro 2016: in Francia l’edizione più ricca con premi a Nazionali e club per 450 milioni

Euro-2016

Quella francese sarà l’edizione dei Campionati europei di calcio più  ricca di sempre. La scelta di allargare la platea delle Nazionali partecipanti alla fase finale da 16 a  24 e quella di centralizzare in capo alla Uefa la vendita di diritti tv ha dato buoni risultati, a dispetto di un ciclo economico generale non certo favorevole nel Vecchio Continente e di una risposta dei broadcaster di alcuni paesi chiave al di sotto delle aspettative. Grazie anche agli introiti di questi nuovi accordi, il montepremi messo a disposizione delle 24 Federazioni è salito a 301 milioni di euro. L’Uefa aveva stanziato nelle precedente edizione della Coppa disputata tra Polonia e Ucraina 196  milioni. I premi saranno assegnati con un criterio di ripartizione meritocratico analogo a quello in voga per la Champions e l’Europa League (per le due competizioni riservate ai club sono stati  incassati nella stagione appena conclusa 2,2 miliardi di euro). Prendere parte ai gironi eliminatori porterà un bonus di otto milioni, inoltre la vittoria di uno dei match assicurerà un milione e il pareggio 500mila euro. Con l’en plein si potranno  ottenere  11 milioni. Il passaggio alle fasi successive e agli scontri  ad eliminazione diretta poi comporterà l’assegnazione di premi crescenti:  1,5 milioni per gli ottavi di finale; 2,5 milioni per i quarti;  quattro milioni per l’accesso alle semifinali. In finale poi ci si giocherà, oltre al titolo di campione continentale, un bonus supplementare di otto milioni, mentre la finalista sconfitta dovrà accontentarsi di  cinque milioni. La Spagna vincitrice di Euro 2012 aveva incassato 23,5 milioni. Ad Euro 2016 chi arriverà in fondo alla competizione potrebbe incassare  27 milioni (un 15% in più della passata edizione, dunque).

Aumenterà anche  l’indennità che sarà girata ai club di appartenenza dei calciatori convocati. Ogni società  avrà diritto, infatti, a un rimborso parametrato sui giorni di permanenza in nazionale  (si tratta di una  quota identica per giocatore per ogni gara di qualificazione e una quota fissa per giocatore al giorno per la fase finale).  Il budget complessivo è di  100 milioni.  L’Eca (European Club Association)  presieduta da Karl Heinz Rummenigge ha concordato con la Uefa di destinarne una quota di 50 milioni  anche ai calciatori delle Nazionali che non si sono qualificate per la fase finale in Francia. Nella precedente edizione di Euro 2012, le squadre che hanno ottenuto il maggior contributo sono state Bayern Monaco (3 milioni), Real Madrid (2,9) e Barcellona (2,2). I club italiani avevano ricevuto rimborsi totali per 9,4 milioni (la Juventus 2 milioni,  il Milan 1,4 e la Roma o,9 milioni).

  • agostino ghiglione |

    Scusate,ovviamente, volevo dire “mandarne a casa solo 8” (e non 6 come ho scritto).In effetti 24-16 fa 8 e non 6.Tutto il resto lo confermo.E penso a chi vuol portare il mondiale a 40 squadre dalle 32 attuali.

  • agostino ghiglione |

    A me sembra che passare da 24 squadre ammesse a 16 dopo i gironi ripescandone 4 tra le terze meglio classificate sia un grosso errore per lo sviluppo delle successive partite in cui chi si è classificato primo si troverà davanti chi si è classificato terzo e questo succederà per i gironi A B C D. E lo si sa già. Quindi una fase a gironi per mandarne a casa solo 6 mi sembra che privilegi solo il numero delle partite da giocare non la qualità dello spettacolo.Almeno nei gironi di Champions le quarte classificate vanno a casa e le terze scendono in EL le altre invece se la giocano ma sempre la prima contro la seconda classificata.Allora in quel caso oltre al criterio di vedere un certo numero di partite si associa quello di premiare in maniera paritetica chi si classifica ai primi due posti nel girone. Comunque penso che è la prima volta che assistiamo a quattro nazionali che si qualificano entrambe pur essendo espressione dello stesso territorio(Irlanda e Eire) (Cecoslovacchia con le sue due componenti Slovacchia e Repubblica Ceca).Comunque direi che gli Stadi visti in TV sono tutti da invidiare rispetto ai nostri.Con una particolare nota per il Velodrome di Marsiglia e il nuovo stadio del Lione.

  Post Precedente
Post Successivo