Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Roma: indebitamento in calo, i versamenti di Friedkin superano i 300 milioni

La Roma chiude il 2021 proseguendo la riduzione dell’indebitamento finanziario netto. Al 30 novembre 2021, il dato è pari a 296,3 milioni di euro, circa 15,4 milioni in meno rispetto a quanto iscritto a bilancio lo scorso 30 giugno, riportandosi dunque al di sotto della soglia dei 300 milioni. «Fra le principali motivazioni – si legge nel comunicato – si segnala che il debito per finanziamenti soci registra nel periodo una riduzione di 20,7 milioni di euro determinata dalla conversione dei finanziamenti soci in essere al 30 giugno 2021, pari a 30,7 milioni di euro, in “Riserva azionisti c/ aumento di Capitale effettuata in data 26 novembre 2021 e dall’erogazione di nuovi finanziamenti soci effettuata nel mese di novembre 2021, pari a 10 milioni di euro». Tra luglio e ottobre, inoltre, «sono stati erogati ulteriori finanziamenti soci, pari a complessivi 120,9 milioni di euro».

A livello consolidato, l’indebitamento finanziario netto adjusted è pari a 277,7 milioni di euro, circa 24,3 milioni in meno rispetto al 30 giugno, quando tale voce era pari a 302 milioni di euro. Nel dettaglio, l’indebitamento finanziario netto consolidato adjusted al 30 novembre 2021 si compone di disponibilità liquide, per 24,8 milioni di euro (22,8 milioni di euro, al 30 giugno 2021), attività finanziarie non correnti, per 10 milioni di euro (rimaste invariate rispetto al 30 giugno 2021), e debiti finanziari, per complessivi 312,6 milioni di euro (334,9 milioni di euro, al 30 giugno 2021). L’indebitamento a medio/lungo termine è pari a 280,6 milioni di euro (301,9 milioni di euro, al 30 giugno 2021), a breve termine è invece negativo per 3 milioni di euro (positiva per 0,1 milioni di euro, al 30 giugno 2021), ed è composto da debiti finanziari per 21,9 milioni di euro (23 milioni di euro, al 30 giugno 2021) più che compensati da disponibilità liquide per 24,8 milioni di euro (22,8 milioni di euro, al 30 giugno 2021).

Il totale dei debiti scaduti è di 12,8 milioni per il club e 15,2 milioni per il gruppo. Sono principalmente relativi ad agenti e consulenti sportivi, per 7,9 milioni di euro, per oneri di intermediazione e consulenze legali riconosciuti in occasione delle operazioni di trasferimento dei diritti alle prestazioni sportive di calciatori e nell’ambito dei rinnovi di contratti di tesserati.

Nel mese di dicembre 2021 la controllante indiretta RRI, per il tramite della controllante diretta Neep, ha effettuato ulteriori versamenti in conto finanziamento soci pari a 15 milioni di euro al fine di supportare le esigenze di working capital del gruppo. Ciò significa che Dan Friedkin ha immesso oltre 300 milioni nelle casse della Roma da quando è subentrato a James Pallotta: Con i 10 milioni di versamenti dello scorso novembre, il totale della somma erogata in favore della società aveva raggiunto quota 294,2 milioni di euro (dei quali circa 151,6 milioni ascrivibili all’esercizio chiuso il 30 giugno 2021). Con quest’ultimo versamento, la somma immessa nella Roma dall’imprenditore texano raggiunge i 309,2 milioni di euro complessivi.