Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il gruppo friulano Rizzani De Eccher ricostruirà lo stadio della Dinamo Mosca (un affare da 525 milioni)

Sarà il gruppo friulano Rizzani De Eccher a costruire il nuovo stadio della Dinamo Mosca, squadra militante nella Prem’er Liga, massimo torneo russo. La Zao Mc Dynamo, società controllata dalla banca russa Vtb, ha affidato a Codest (società controllata appunto dal gruppo Rizzani de Eccher) il contratto per la ricostruzione del Dynamo Central Stadium su progetto degli architetti David Manica e dello studio SPEECH dell’architetto Sergey Tchoban. Il progetto prevede la realizzazione di un impianto sportivo con due arene per calcio ed hockey, oltre a negozi, ristoranti e cinema multisala.
Nuovo stadio da 40 mila posti. Il progetto si colloca nell’ambito della ricostruzione dello storico stadio della Dinamo Mosca, costruito nel 1928. Verrà conservata parte della facciata dell’impianto esistente, integrandosi col resto dell’involucro. Il complesso avrà una capienza di 40 mila spettatori e comprenderà lo stadio da calcio con tribune coperte, oltre all’arena per l’hockey sul ghiaccio. L’arena sarà utilizzabile anche per pallacanestro, tennis, pallavolo e concerti. La capienza complessiva sarà di circa 14 mila posti a sedere.
Il progetto per l’area commerciale. I due impianti sorgeranno su un’area commerciale composta da negozi, ristoranti e un cinema multisala, dotata di parcheggi per oltre 700 posti auto e collegamento diretto alla stazione della metropolitana. Il complesso è situato a 5 km dal Cremlino e offre ai visitatori la possibilità di intrattenersi nella capitale russa prima e dopo lo svolgimento degli eventi sportivi. Il gruppo Rizzani de Eccher aveva già raggiunto nel 2012 l’intesa per riqualificare l’area attorno allo stadio in vista dei Mondiali del 2018.
La riqualificazione dell’area stadio. Questa commessa, dal valore di circa 525 milioni di euro, integra appunto l’accordo raggiunto due anni fa con l’aiuto di una “cordata” formata da Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo, SocGen e KfW Ipex-Bank, che hanno concordato con Vtb un pacchetto di finanziamenti per 500 milioni di euro, garantiti per 474 milioni da Sace, l’agenzia italiana di credito all’export. Il progetto riguarda la realizzazione di un complesso chiamato Vtb Arena Park, costituito da 13 edifici per un importo contrattuale di circa 700 milioni di euro. Nell’insieme, dunque, i due progetti presentano un valore complessivo da 1,2 miliardi di euro.