Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Chelsea, via libera dal sindaco per la ristrutturazione di Stamford Bridge (costo 500 milioni di sterline)

3836328811_4aed786abb_o

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, dà il via libera alla totale ristrutturazione dello storico impianto di Stamford Bridge. Come riportano i media inglesi, si tratta di un progetto da 500 milioni di sterline (oltre 612 milioni di euro) per realizzare uno stadio da 60mila posti al posto degli attuali 41.600. Da tempo, il proprietario dei Blues, Roman Abramovich, voleva ampliare la capacità dello storico impianto, abbandonati i progetti di costruire un nuovo impianto in un’altra area. Nel frattempo, le altre squadre londinesi si sono date da fare. Da dieci anni l’Arsenal gioca all’Emirates Stadium, da 60mila posti, mentre il West Ham gioca dalla scorsa estate nell’Olympic Stadium a Stratford, nell’Est di Londra, dove stasera andrà a giocare proprio il Chelsea. Il Tottenham sta ristrutturando lo stadio di White Hart Lane. Stamford Bridge è la ‘casa’ del Chelsea dal 1905 e venne ristrutturato nel 1990. Ora ha bisogno di essere ampliato e rinnovato e il progetto è stato affidato alla società svizzera di architettura Herzog & De Meuron, che ha firmato lo stadio ‘Bird’s Nest’ di Pechino e l’Allianz Arena del Bayern Monaco. I lavori richiederanno almeno tre anni e nel frattempo la squadra dovrà trovare un’altra sistemazione, anche se, pur con molte difficoltà, potrebbe giocare nel suo stadio durante i lavori. L’alternativa potrebbe essere Wembley, dove però la prossima stagione giocherà il Tottenham in attesa della fine dei lavori a White Hart Lane, mentre l’ipotesi Twickenham è stata esclusa dopo il no della federazione rugby.

  • agostino ghiglione |

    Caro Federico,
    solo una precisazione lessicale quello da te indicato sarà lo Stadio”del Frosinone” Società di Calcio.Del quale qui se n’è parlato in post e commenti precedenti.Ed è il primo che parte effettivamente da “zero”:cioè in una zona nuova quindi non è il “revamping” di uno Stadio precedente come Mapei Stadium,Juventus Stadium; Friuli Stadium(e non Dacia Arena come qlc dice per vincolo di nome imposti dalla Regione Friuli) Olimpico di Torino(ora intitolato a “Grande Torino”).Sulla “tristezza” sono pienamente d’accordo.

  • Federico79 |

    In Italia il prossimo stadio nuovo sarà quello di Frosinone gli altri sono solo sulla carta a parte Cagliari che un po’ più avanti… che tristezza…

  • agostino ghiglione |

    Caro Piero,
    ti è sfuggito che a Bologna la Sopraintendenza ha dato parere favorevole alla ristrutturazione dello Stadio del Bologna con il solo vincolo di mantenere la “torre” a metà del settore distinti.Come ben visibile dal “rendering” del progetto pubblicato da Marco settimane fa.Ma anche a Firenze la Sopraintendenza aveva dato il via libera per lo Stadio Monumentale del Franchi (in cui ci sono le prime opere dell ‘Ing.Nervi;le rampe di scale esterne se non ricordo male) ma la Fiorentina ha puntato per la costruzione di uno Stadio nuovo e su un terreno Comunale.A giorni l’esame del Progetto.

  • Piero |

    Beati loro che non hanno la Soprintendenza per i ruderi culturali e le baracche artistiche che piomberebbe su questo progetto come un falco a caccia della sua preda per bloccare tutto aspettando che qualcuno dica: “grazie Soprintendenza….. hai salvato il nostro patrimonio artistico da cattivi e sconsiderati investitori assetati di profitti e senza scrupoli!”.

  • agostino ghiglione |

    Ovviamente non conosco i dettagli di questo intervento di ristrutturazione con ampliamento di spettatori da 41.600 a 60.000 (+ 18.400).Guardando la foto(anno 2006) questa tribuna mi ha ricordato quella ora ampliata dell’Anfield Road del Liverpool che ha permesso l’aumento di 9.000 posti ma che ha richiesto soltanto 114 giorni di lavori ed alcune partite del Liverpool giocate in trasferta in attesa del completamento dei lavori.Ne deduco che il progetto mira a costruire uno Stadio nuovo avendo esaurito tutte le possibilità di ampliamento.Ricordo che per i mondiali ’90 lo Stadio di Marassi di Genova venne ristrutturato in due anni dividendo le tribune per gli spettatori in senso longitudinale rispetto al campo dimezzando la capacità di pubblico.Per cui la Samp in Serie A decise di migrare a Cremona(città di Vialli) mentre il Genoa in Serie B decise di giocare sul campo così dimezzato.Per entrambe le Società la Federcalcio stanziò un indennizzo per i mancati incassi cosa che il Chelsea non può fare.

  Post Precedente
Post Successivo